LiveWine 2018. Piccoli produttori crescono

Il primo weekend di marzo, a Milano, nella splendida cornice del  Palazzo del Ghiaccio in via Piranesi, si è svolta la quarta edizione del LIVEWINE, il Salone Internazione del Vino Artigianale.
Un evento molto atteso dagli amanti dei vini naturali-biologici-biodinamici e dagli addetti ai lavori della metropoli Meneghina e non solo.

Quest’anno il mio  programma era di stare poco e andare a provare solo le novità e i prodotti che non avevo mai avuto occasione di conoscere in questi anni.
Più o meno erano quelle le intenzioni, veloci, concise e senza distrazione dai soliti vini; il risultato è stato che  tutto il pomeriggio di domenica 4 marzo e un “ripasso” in compagnia di Alessandra nel primo pomeriggio del lunedì li ho passati parlando con produttori, distributori e avventori sconosciuti ma appassionati come me.
Così tanto tempo trascorso tra le fila degli espositori mi hanno portato a creare una vera e propria lista dei prodotti che più ho apprezzato.

Slovenia
GORDIADamigiana 2012 
da uve malvasia e moscato bianco, ottenuto da grappoli lasciati appassire in cassette fino a gennaio. Torchiatura, maturazione e fermentazione in botti di legno di quercia per circa 12 mesi. Giallo dorato, al naso confetture di albicocche molto intenso. In bocca ricorda molto il miele con la frutta secca. Estremamente elegante e armonico

Italia
AGRICOLA NEVIO SCALA
Novità assoluta dell’edizione 2018, l’ex allenatore di Serie A si è dato al vino. Azienda Agricola aperta assieme al figlio, in provincia di Padova, sui Colli Euganei.
Gargànte: garganega 100%, vino bianco rifermentato in bottiglia, giallo paglierino intenso, note fruttate al naso e una leggera crosta di pane. In bocca è scorrevole e fresco, persistente e di buona bevibilità

CANTINA MARILINA: Altra novità 2018 del salone, cerco la postazione e vengo accolto dai due splendidi sorrisi delle sorelle Marilina e Federica, titolari dell’Azienda sulle stupende colline di Noto.
In degustazione parecchi prodotti tra cui i due metodi ancestrali: Fedelie Bianco Frizzante da uve viogner e Fedelie rosato frizzante, veramente una sorpresa per me questa versione di Nero d’Avola. Eccellente il colore, un melograno intenso, al naso ricorda la viola, ciliege e agrumi, in bocca è fruttato, fresco, lo si immagina da bere seduti al mare, come ottimo aperitivo.
Tra le chiacchiere sull’amata Sicilia, la spiegazione delle etichette e le varie promesse di visite in cantina  a provare tutta la linea di produzione, Marilina mi fa innamorare del suo Cuè, che in dialetto siciliano significa “Chi è?”. Una vera e propria sorpresa.
Fermentato sulle sue bucce, fa affinamento in vasche di cemento con lieviti naturali. Un moscato secco di color giallo paglierino intenso, con sentori intensi di pesca e mela matura al naso e in bocca piacevolmente sapido e secco.

MARIA PIA CASTELLI: Cantina consigliata da svariato tempo da amica che conosce la produttrice di persona. La bottiglia che mi ha colpito di più è stata Stella Flora, un vino bianco ottenuto da Pecorino, Passerina, Trebbiano e Malvasia di Candia, di un elegantissimo giallo paglierino intenso, con sfumature d’oro. I profumi ricordano gli agrumi, la buccia di un pompelmo maturo, e successivamente un sentore di erbe aromatiche. Il sorso è pulito, sapido con una grande ricchezza aromatica. Molto persistente.
Affina 18 mesi in legno e altrettanti in bottiglia.

ANCARANI: Indigeno 100% Trebbiano, leggermente frizzante, un vino che rifermenta in bottiglia sui propri lieviti. Profumi non invadenti ma eleganti, di agrumi e leggera crosta di pane. Al palato spiccano sapidità e acidità. Molto equilibrato.
Perlagioia, prodotto con Albana e una minima parte di vitigni  romagnoli, si presenta  giallo intenso, con profumi molto delicati di fiori bianchi e un leggero ricordo di agrume. In bocca è minerale, con una strepitosa sapidità inaspettata.

CRASA’: Si sale sull’Etna. Il loro Etna Rosso Doc Cru “Rivaggi” prodotto con 80% nerello mascalese  e 20% granaccia. Color rosso porpora intenso, al naso si riconoscono profumi di frutta rossa che accompagnano il pepe nero e i sentori erbacei tipici del territorio Etneo. In bocca è tannico e mantiene una buona acidità, un vino molto persistente, ottimo direi. Da riprovare a tavola, accompagnato da piatti con sughi complessi o da formaggi stagionati del luogo.

ELIOSSempre in Sicilia ma sul versante ovest dell’isola, cantina di cui avevo letto molto ultimamente ma non avevo avuto ancora occasione di provare i vini.
Modus bibendi Grillo 100% Grillo, di color giallo paglierino con riflessi leggermente verdolini, una trama olfattiva che ricorda la terra da dove proviene, note balsamiche e macchia mediterranea come menta e salvia, in bocca risulta fresco, di buona acidità e sapidità.
Modus bibendi bianco macerato non filtrato da uve Grillo, Cataratto, Zibibbo, color arancione con riflessi dorati, al naso presenta profumi di arancia e albicocca candita. In bocca colpisce immediatamente la freschezza e la leggera astringenza. Molto persistente.

Il TORCHIO: Trovati per caso, a fine giro del lunedi pomeriggio. Colpito più che altro perchè unici produttori liguri nella fiera e per le splendide etichette realizzate dal pittore locale Francesco Musante, la vera sorpresa è stata il loro Stralunato 2016 da uve vermentino e moscato bianco. Giallo paglierino con riflessi dorati, profumi molto intensi di frutta tropicale, agrumi e frutta matura. Buona acidità, lascia un finale piacevole e armonioso.

Personalmente sono molto affezionato a questa manifestazione: la mia prima fiera del vino da studente nel mondo del vino, come visitatore ovviamente, la scoperta di alcuni produttori a cui ora sono particolarmente legato, la mia fuga dallo studio per diventare Sommelier l’edizione passata per assistere ad una degustazione guidata dell’ Etna, la sensazione di festa che si vede sui visi degli espositori e dei loro avventori.

La cosa che mi ha colpito di più nell’edizione 2018 è proprio questa. I vini del LIVEWINE sono veri come i loro produttori!

You may also like

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.