Buona Pasqua!

Manca poco alla Pasqua e noi della redazione di Blogelier ci prendiamo qualche giorno di vacanza.

Abbiamo cominciato questa avventura tre mesi fa e abbiamo lavorato senza sosta, degustando e raccontandovi quello che ci era piaciuto di più.  Ora abbiamo proprio bisogno di una piccola pausa.

 

Non potevamo però non brindare con voi!

Per questa occasione abbiamo scelto un metodo classico che ci teletrasporta nella nostra meravigliosa Sicilia, e precisamente in provincia di Palermo, su una fascia collinare di media altitudine (intorno ai 600 m/slm). L’agricoltura in questa zona è improntata nel rispetto del territorio e dell’uomo; le vecchie viti, che qui sono ancora coltivate con metodi tradizionali, hanno una resa molto bassa e la vendemmia, rigorosamente manuale, rimandano a quelle antiche tradizioni che la gente di Sicilia sta riscoprendo come proprio patrimonio culturale.

 

Gustiamolo da solo, per un brindisi o in accompagnamento ad un antipasto a base di pesce appena scottato o addirittura crudo.

 

LYR – Metodo Classico – PORTA DEL VENTO

Troviamo nel bicchiere un fantastico Perricone in purezza, vinificato in bianco. Le uve per la produzione di questo metodo classico sono raccolte ancora in fase di maturazione proprio perché l’acidità deve rimanere elevata e i profumi quanto più freschi possibili.

Il vino ottenuto dalla spremitura soffice delle uve rimane sui propri lieviti per circa 18 mesi, permettendo così la formazione di un fine ed elegante perlage. Come per ogni metodo classico che si rispetti, prima di essere messo al consumo viene illimpidito e privato dei lievi esausti.

Il suo grado zuccherino si aggira intorno all’1,6 g/l quindi è uno spumante molto secco, “extra brut” per classificarlo tecnicamente.

Bevuto ben freddo (consigliamo una temperatura non superiore agli 8°) accarezza i nostri sensi con aromi floreali e di frutta a polpa bianca ancora da maturare; inevitabile per i vini prodotti in questa zona, è la presenza di una forte mineralità.

L’elevata acidità contribuisce a pulire dalla eventuale grassezza del nostro antipasto ed invita l’appetito al successivo ricco pasto.

 

CIN CIN!

You may also like

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.