Essere una vigna in Liguria

Chissà cosa si prova a essere una vigna in Liguria? Di quelle baciate dal sole, che si godono lo spettacolo del mare dall’alto mentre i monti dietro di loro le proteggono dal “freschino” che arriva da nord.

Non potendo tramutarmi in vigna ho provato a farmi raccontare dai vini qualcosa su quella posizione privilegiata.

Perfetta l’occasione offerta dall’enoteca La Cieca di incontrare la produttrice e i vini de Il Torchio (già scoperti al Live Wine), cantina dell’estremo levante ligure. L’energica Gilda ci racconta che a Castelnuovo Magra i vigneti sono felicemente esposti a sud-est ad anfiteatro su diverse altezze, alle spalle hanno le Alpi Apuane e davanti il mare. Questa è una storia di coraggio e amore per la propria terra in cui due giovani fratelli decidono di portare avanti la vigna e la cantina dello scomparso nonno Giorgio Tendola. Ora eccoli a occuparsi di 12 ettari di vigne che guardano il mare, coltivate a vermentino in prevalenza con cui producono la doc Colli di Luni.

Cosa mi hanno raccontato questi vini?

Il Bianco” arriva dalla parte più bassa e argillosa dei vigneti, è vermentino 100%, vendemmiato nel 2016  macera sulle bucce per pochi giorni. È morbido in bocca, quasi oleoso, è pieno e la sapidità spicca. Suggerisce di essere bevuto tutto in un sorso all’ora dell’aperitivo.

Colli di Luni Doc“, vermentino in purezza coltivato più in alto dove i terreni sono sassosi e richiedono alle radici un maggiore sforzo per nutrirsi. L’idrocarburo stupisce al naso e gli agrumi vengono dopo, sapidità e freschezza per un assaggio gustoso.

Lo “Stralunato” è vermentino con un 5% di moscato, entrambi provenienti da vecchie vigne che apportano il loro carico di saggezza. Vinificati insieme, macerano sulle bucce per poi essere travasati seguendo le fasi lunari. Al naso erbe mediterranee e, sarà che sono di parte, un sentore di basilico che evoca inevitabilmente una bella pasta al pesto in accompagnamento. Gli aromi tipici del moscato invece non invadono e, ancora una volta, sapidità marina a completare il tutto.

Anche  “Lunatica” è vermentino e nient’altro. Dopo la fermentazione con macerazione sulle bucce per almeno 8 giorni il vino sosta sulle fecce fini finché non è pronto. Mi colpisce per la leggera nota affumicata che ricorda il miele di castagno ma soprattutto per la persistenza che non mi abbandona nemmeno dopo aver preso due tram e fatto 300 metri a piedi

Espressioni tutte diverse seppur da un unico vitigno, vini mai scontati e inaspettati mi raccontano che essere una vigna di Liguria in posizione privilegiata non deve essere tanto male, ma ben poco sarebbe senza l’amore e il rispetto di chi se ne prende cura.

You may also like

Lascia un commento