Giovedì, vino!

Un tempo, era facile sentire dire in giro “Giovedì, gnocchi”, e scommetto che pochi di voi sanno il vero significato di questo modo di dire.

Ma da ieri sera, quando ho capito che, senza nemmeno farlo apposta, ogni giovedì sera mi ritrovo a condividere  una bottiglia con uno o più amici, la frase è diventata magicamente “Giovedì, vino!”. 

La versione originale è un modo di dire italiano, più precisamente romano, la cui origine si colloca nel dopoguerra: per soddisfare la richiesta di tutti, con i pochi prodotti disponibili sul mercato, il programma alimentare settimanale prevedeva “giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa”. Si partiva con un piatto calorico in vista del venerdì, in cui secondo il credo religioso si rispettava il digiuno da carne e si potevano mangiare solo pesce e legumi. Gli gnocchi quindi erano il piatto più indicato per il loro potere saziante.

Ma torniamo al vino.
Anche ieri sera è bastato uno dei soliti miei messaggini alla persona giusta: “Ma tu non hai sete stasera?”-“Certo si che ne ho! Andiamo a berci qualcosa, da Valerio al Wineroad magari, che è parecchio tempo che non ci andiamo insieme.

Detto fatto. Alle 22.00 varchiamo la soglia del Wineroad, in viale Piave al 19, a pochi metri da Porta Venezia, uno dei cuori pulsanti della movida milanese.
Io sono praticamente di casa, tra compleanni e riunioni di redazione di Blogelier, serate estive ai tavolini all’aperto, chiacchierate e degustazioni durante prima e dopo l’esame per diventare Sommelier , qui ne ho passato di tempo e posso dire che è tra i miei posti del cuore. Enoteca con cucina, aperta a pranzo e a cena, ottima selezione dei vini, spiegati egregiamente da Valerio o Valeria, i gestori del locale, bravissimi sommelier.
I vini alla mescita sono riportati su una lavagnetta ma se invece, come succede spesso a me, si va con l’idea che “tanto ci facciamo consigliare da loro”, allora diventa un divertentissimo “problema”.

Ogni volta che decido di andare da loro senza una “voglia” particolare, senza un’idea precisa, si finisce con una carrellata di bottiglie prese dal frigo, dal magazzino o dagli scaffali. Per ogni bottiglia una spiegazione: territorio, annata, vitigno principale, nozioni sul produttore, curiosità.
Prendiamo ieri come esempio, da un mio “stasera niente vino bianco fermo però” sono arrivate sul tavolo un Metodo Classico dell’ Oltrepò, un Erbaluce di Caluso spumantizzata, uno Champagne, un Pinot Nero dell’Alto Adige, un Negroamaro, un Barolo e uno Sforzato di Valtellina. La confusione iniziale è in aumento. Ora ne vorrei provare almeno quattro.
Si inizia quindi a escludere per tipologia, per struttura e infine per rapporto qualità-prezzo, era pur sempre giovedì sera, e doveva essere una serata tranquilla). Valerio prova quindi ad aumentare le nostre idee confuse con un rosso dell’Etna e un rosso di Faro, ma pur sempre Sicilia.
Il Barolo sembra eccessivo e lo spostiamo dietro assieme agli spumanti e allo Champagne. Successivamente vengono raggiunti dal Negroamaro e dal Pinot Nero.
I miei occhi si posano quindi sullo Sforzato di Valtellina 2011 Albareda della Cantina Mamete Prevostini.
Ci viene detto che è l’ultima in magazzino, che di quella vendemmia non ne hanno più, che quel 2011 è totalmente diverso dagli altri anni e che potremmo bere “molto molto bene”.

Sfida accettata, Albareda 2011 sia!

Lo sforzato è prodotto con una tecnica simile a quella utilizzata in Valpolicella per l’Amarone. Le migliori uve di Chiavennasca, una sottovarietà del Nebbiolo, sono selezionate a mano e raccolte a maturazione avanzata, disposte sui graticci all’interno di locali areati chiamati fruttai per circa 90 giorni. In questo periodo avviene l’appassimento, l’uva perde circa il 35/40% del peso, diminuendo il contenuto di acqua ed aumentando il grado zuccherino.
Le uve per disciplinare possono essere pigiate dopo il 10 dicembre dello stesso anno della vendemmia, ma molti produttori della Valtellina aspettano gennaio o addirittura febbraio. Segue una fermentazione e un affinamento di almeno due anni prima in botte e poi in bottiglia.

Ma torniamo a quel vino che ha catturato la nostra attenzione:
Alla stappatura si capisce subito che abbiamo trovato il vino perfetto per la serata.
Nel calice un rosso granato scuro, poco scorrevole, al naso si percepisce l’eleganza della frutta matura, di prugna, more, e di confettura i fiori essiccati e un persistente ricordo di speziatura. La pungenza del cacao fa da principe, seguita successivamente dal tabacco e dal caffè.
Al palato è rotondo e morbido, potente, leggermente tannico, ma decisamente equilibrato. Molto persistente, le trame olfattive di confetture e tostature, ritornano a fine bevuta, ancora più evolute e complesse.
Un vino che è riuscito a farsi apprezzare anche senza un accompagnamento culinario, anche se con un formaggio di montagna, magari Valtellinese, sarebbe stato perfetto.
La serata è andata bene il vino era buono, l’enoteca è stata come sempre capace di farmi tornare a casa soddisfatto.

Un semplice messaggino a volte può risolvere una settimana stancante, può far conoscere vini esageratamente buoni e soprattutto fa capire che non si finisce mai di imparare.

You may also like

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.