Family Affair in Monferrato

Quella di Cinque Quinti è una piccola realtà.
Tanto piccola quanto meravigliosa; il sogno di cinque fratelli che hanno deciso di portare avanti l’attività di famiglia lunga quattro generazioni, e di rinnovarla.
Loro sono Fabrizio, Martina, Michele, Francesca e Mario. Il nome nasce proprio da questo, cinque fratelli con idee e capacità diverse pronti a dare il loro contributo per un unico scopo.
Decido di andarli a trovare un sabato mattina, con un paio di amici, la classica gita fuori porta: visitare una cantina, quattro chiacchiere sul vino e un pranzo in qualche ristorante in zona.
L’azienda si trova a Cella Monte, uno splendido borgo di poco più di cinquecento anime tra le colline del Monferrato, nella provincia di Alessandria.
La giornata non è climaticamente delle migliori, ma grazie all’accoglienza di Martina, la “seconda quinta” come si definisce lei, ci dimentichiamo della pioggia che ci accompagna nel tragitto in auto per dirigerci verso una delle vigne, sempre a Cella Monte, in località Perona.
Sfortunatamente le condizioni del terreno, non ci permettono di addentrarci molto più in là del ciglio della strada, ma Martina ci spiega perfettamente lo svolgimento dei lavori in vigna, di come tutto è partito grazie ai suoi fratelli, della divisione dei terreni e delle altre attività svolte nell’azienda.
Le altre attività, appunto. Perché la Società Agricola Fratelli Arditi non produce solo vino. Dei 100 ettari di proprietà, 15 sono per la coltivazione dei cereali come mais, grano e soia, circa 30 ettari invece sono destinati ai pioppi, specialmente vicino alle rive del Po, e una piccola parte è dedicata ai tartufi.
La restante metà è tutta vocata ai vigneti. Oltre alla barbera per la produzione privata della cantina, vengono allevate anche altre tipologie di uva per la vendita a piccoli produttori locali e cantine sociali.
Al ritorno dalla vigna, la mattinata prosegue con un breve tour della sede e tra i corridoi sotterranei dell’ “Infernot”.

Gli Infernot erano le vecchie cantine private, costruite solitamente sotto le abitazioni più grandi o con famiglie numerose. Potevano essere profonde diversi metri ed erano scavate a picconate in una roccia tipica della zona del basso Monferrato, simile al tufo. Servivano a conservare il vino più pregiato ed il cibo grazie alla capacità di mantenere inalterata la temperatura sotterranea in qualsiasi stagione.
Quello mostratoci è un vero gioiello. Vasche di cemento, botti antiche, ripiani scavati nella roccia e cunicoli bui ancora chiusi.

Ed eccoci infine alla degustazione.
Il VINO ROSSO Cinque Quinti è un vino da tavola prodotto con sola uva Barbera dalla vendemmia 2016, in sole 1400 bottiglie e vinificato in acciaio. Nel calice è di un bel rosso porpora, profumi intensi di frutta rossa, in bocca è di corpo, spicca la freschezza tipica della Barbera piemontese. Un vino che colpisce al cuore, soprattutto se abbinato ad un tagliere di salumi e formaggi e bevuto tra amici.
Una degustazione accompagnata da Martina con l’appoggio del maggiore dei fratelli, Fabrizio. Una bella mattinata trascorsa a chiacchierare di vino, di sogni nel cassetto, di progetti futuri e di attività da poter svolgere dentro l’azienda.
Ci illustrano un calendario pieno in effetti, dallo yoga in vigna, agli aperitivi musicali, alla possibilità di aiutarli nella vendemmia a settembre.
Nel futuro immediato c’è la produzione di una seconda linea, con il nome Roverò, un vino ottenuto da sole uve Barbera, ma con affinamento in tonneaux.

L’impressione è quella di aver trovato uno di quei produttori con la P maiuscola, in cui lavorano persone appassionate, preparate, e pronte ad affrontare quel futuro radioso che si meritano, grazie soprattutto ad una famiglia unita con un bel progetto, forse quello che molti di noi appassionati di vino avremmo voluto realizzare.

 

LiveWine 2018. Piccoli produttori crescono

Il primo weekend di marzo, a Milano, nella splendida cornice del  Palazzo del Ghiaccio in via Piranesi, si è svolta la quarta edizione del LIVEWINE, il Salone Internazione del Vino Artigianale.
Un evento molto atteso dagli amanti dei vini naturali-biologici-biodinamici e dagli addetti ai lavori della metropoli Meneghina e non solo.

Quest’anno il mio  programma era di stare poco e andare a provare solo le novità e i prodotti che non avevo mai avuto occasione di conoscere in questi anni.
Più o meno erano quelle le intenzioni, veloci, concise e senza distrazione dai soliti vini; il risultato è stato che  tutto il pomeriggio di domenica 4 marzo e un “ripasso” in compagnia di Alessandra nel primo pomeriggio del lunedì li ho passati parlando con produttori, distributori e avventori sconosciuti ma appassionati come me.
Così tanto tempo trascorso tra le fila degli espositori mi hanno portato a creare una vera e propria lista dei prodotti che più ho apprezzato.

Slovenia
GORDIADamigiana 2012 
da uve malvasia e moscato bianco, ottenuto da grappoli lasciati appassire in cassette fino a gennaio. Torchiatura, maturazione e fermentazione in botti di legno di quercia per circa 12 mesi. Giallo dorato, al naso confetture di albicocche molto intenso. In bocca ricorda molto il miele con la frutta secca. Estremamente elegante e armonico

Italia
AGRICOLA NEVIO SCALA
Novità assoluta dell’edizione 2018, l’ex allenatore di Serie A si è dato al vino. Azienda Agricola aperta assieme al figlio, in provincia di Padova, sui Colli Euganei.
Gargànte: garganega 100%, vino bianco rifermentato in bottiglia, giallo paglierino intenso, note fruttate al naso e una leggera crosta di pane. In bocca è scorrevole e fresco, persistente e di buona bevibilità

CANTINA MARILINA: Altra novità 2018 del salone, cerco la postazione e vengo accolto dai due splendidi sorrisi delle sorelle Marilina e Federica, titolari dell’Azienda sulle stupende colline di Noto.
In degustazione parecchi prodotti tra cui i due metodi ancestrali: Fedelie Bianco Frizzante da uve viogner e Fedelie rosato frizzante, veramente una sorpresa per me questa versione di Nero d’Avola. Eccellente il colore, un melograno intenso, al naso ricorda la viola, ciliege e agrumi, in bocca è fruttato, fresco, lo si immagina da bere seduti al mare, come ottimo aperitivo.
Tra le chiacchiere sull’amata Sicilia, la spiegazione delle etichette e le varie promesse di visite in cantina  a provare tutta la linea di produzione, Marilina mi fa innamorare del suo Cuè, che in dialetto siciliano significa “Chi è?”. Una vera e propria sorpresa.
Fermentato sulle sue bucce, fa affinamento in vasche di cemento con lieviti naturali. Un moscato secco di color giallo paglierino intenso, con sentori intensi di pesca e mela matura al naso e in bocca piacevolmente sapido e secco.

MARIA PIA CASTELLI: Cantina consigliata da svariato tempo da amica che conosce la produttrice di persona. La bottiglia che mi ha colpito di più è stata Stella Flora, un vino bianco ottenuto da Pecorino, Passerina, Trebbiano e Malvasia di Candia, di un elegantissimo giallo paglierino intenso, con sfumature d’oro. I profumi ricordano gli agrumi, la buccia di un pompelmo maturo, e successivamente un sentore di erbe aromatiche. Il sorso è pulito, sapido con una grande ricchezza aromatica. Molto persistente.
Affina 18 mesi in legno e altrettanti in bottiglia.

ANCARANI: Indigeno 100% Trebbiano, leggermente frizzante, un vino che rifermenta in bottiglia sui propri lieviti. Profumi non invadenti ma eleganti, di agrumi e leggera crosta di pane. Al palato spiccano sapidità e acidità. Molto equilibrato.
Perlagioia, prodotto con Albana e una minima parte di vitigni  romagnoli, si presenta  giallo intenso, con profumi molto delicati di fiori bianchi e un leggero ricordo di agrume. In bocca è minerale, con una strepitosa sapidità inaspettata.

CRASA’: Si sale sull’Etna. Il loro Etna Rosso Doc Cru “Rivaggi” prodotto con 80% nerello mascalese  e 20% granaccia. Color rosso porpora intenso, al naso si riconoscono profumi di frutta rossa che accompagnano il pepe nero e i sentori erbacei tipici del territorio Etneo. In bocca è tannico e mantiene una buona acidità, un vino molto persistente, ottimo direi. Da riprovare a tavola, accompagnato da piatti con sughi complessi o da formaggi stagionati del luogo.

ELIOSSempre in Sicilia ma sul versante ovest dell’isola, cantina di cui avevo letto molto ultimamente ma non avevo avuto ancora occasione di provare i vini.
Modus bibendi Grillo 100% Grillo, di color giallo paglierino con riflessi leggermente verdolini, una trama olfattiva che ricorda la terra da dove proviene, note balsamiche e macchia mediterranea come menta e salvia, in bocca risulta fresco, di buona acidità e sapidità.
Modus bibendi bianco macerato non filtrato da uve Grillo, Cataratto, Zibibbo, color arancione con riflessi dorati, al naso presenta profumi di arancia e albicocca candita. In bocca colpisce immediatamente la freschezza e la leggera astringenza. Molto persistente.

Il TORCHIO: Trovati per caso, a fine giro del lunedi pomeriggio. Colpito più che altro perchè unici produttori liguri nella fiera e per le splendide etichette realizzate dal pittore locale Francesco Musante, la vera sorpresa è stata il loro Stralunato 2016 da uve vermentino e moscato bianco. Giallo paglierino con riflessi dorati, profumi molto intensi di frutta tropicale, agrumi e frutta matura. Buona acidità, lascia un finale piacevole e armonioso.

Personalmente sono molto affezionato a questa manifestazione: la mia prima fiera del vino da studente nel mondo del vino, come visitatore ovviamente, la scoperta di alcuni produttori a cui ora sono particolarmente legato, la mia fuga dallo studio per diventare Sommelier l’edizione passata per assistere ad una degustazione guidata dell’ Etna, la sensazione di festa che si vede sui visi degli espositori e dei loro avventori.

La cosa che mi ha colpito di più nell’edizione 2018 è proprio questa. I vini del LIVEWINE sono veri come i loro produttori!

E’ tempo di Brunello!

E’ stata una settimana particolarmente lunga e faticosa. La voglia di rilassarsi davanti ad un buon vino era tanta. E aver trovato una data ideale per l’invito, da parte di un caro amico, ad aprire una bottiglia di rosso “come piace a noi” è stata la fine gloriosa di questa settimana lavorativa.
La bottiglia in questione è il Brunello di Montalcino “Bassolino di sopra” della cantina Pian dell’ Orino, vendemmia 2010. Un vino che ha ottenuto un prestigioso 100/100 per “The Wine Advocate”, l’autorevole pubblicazione di Robert Parker, guru Statunitense della critica enologica mondiale.
Le uve per questo vino provengono dalla parte alta del vigneto “Pian Bassolino” denominato “Bassolino di Sopra”, che si trova ad un’altitudine di 370-390 m/slm. I soli 6 ettari vitati sono coltivati in biologico e biodinamico.
Ed eccola lì sul tavolo, sapientemente aperta un paio di ore prima del mio arrivo dal padrone di casa. Affiancata da due calici, e un tagliere ancora vuoto.
Chi mi conosce bene sa che non vado molto d’accordo con i vini toscani; non è mai scattata la scintilla, non so il perché. Tranne per alcuni casi speciali, ahimè quasi impossibili da portarsi a casa per il prezzo.
Tolta giacca e fatti tutti i convenevoli arriviamo al dunque; una veloce apparecchiata del tavolo, decidiamo di accompagnare il nostro Brunello con un altrettanto fantastico Pecorino di Pienza semistagionato del Caseificio Cugusi.

Il vino si presenta di un bel rosso granato.
Al naso si intuisce subito la sua complessità; dai piccoli frutti rossi maturi iniziali, che si evolvono nei minuti a seguire in profumi di frutta sottospirito e di sottobosco, a note floreali, forse di violetta, di spezie dolci, liquirizia e prugna.
In bocca la cosa che colpisce subito è l’estrema eleganza, quei piccoli frutti rossi tipici del Sangiovese che ritornano, un vino di una notevole struttura accompagnata però dalla freschezza dei suoi pochi anni e dal lieve tannino finale.

L’apoteosi  è poterselo godere con il pecorino. Ecco il famoso “terzo gusto”, quello che ci spiegano ai corsi sommelier!
Pietanze e cibo si bilanciano perfettamente.
La persistenza aromatica del pecorino viene accompagnata dal Brunello che nel suo calice con il passare dei minuti aggiunge complessità a quella iniziale, svelandosi per quello che è effettivamente.

Ho finalmente trovato quello che da tempo stavo aspettando e un sorriso soddisfatto prende il posto sul mio volto dei segni della fatica della settimana.

 

Nerello Mascalese VS Pinot Nero: chi vincerà?

Fine estate 2017, sabato mattina, squilla il telefono. Eugenio mi chiede suggerimenti su dove andare a comprare una bottiglia di vino per una cena.

Una risposta secca, semplice e di cuore “ENOCLUB, ma vengo anche io! Così chiediamo informazioni sul minicorso dei vitigni a confronto che ho letto sulla news letter, c’è una serata che potrebbe interessarci”.
E’ il 30 ottobre, lunedi sera, prima serata di freddo milanese, ci troviamo seduti entrambi, insieme ad una trentina di persone assetate come noi, dentro l’Enoclub, l’enoteca di Massimo e Bianca Malfassi e della loro famiglia, a Milano in via Friuli al 15.
Una degustazione alla cieca, con  le bottiglie coperte,  nella quale gli avventori dovranno indovinare se si tratta di  Nerello Mascalese o di Pinot Nero.

Il Nerello, è un vitigno tipico dell’areale Etneo, coltivato da circa quattro secoli; il nome deriva dalla contea di Mascali, un antico territorio  ai piedi dell’Etna, collocato tra Giarre e Mascali, nella provincia Catanese.

Il Pinot Nero è un vitigno internazionale, coltivato in tutto il mondo, che ama il freddo ed è difficile da coltivare, a detta di molti produttori, ma che dà soddisfazioni enormi sia per loro che per chi lo beve.
Ma soprattutto è il vitigno che mi ha fatto capire che avrei dovuto saper di più sul mondo del vino, spingendomi a fare  il corso per diventare Sommelier.

Una serata molto piacevole, accompagnata dai simpaticissimi e competenti padroni di casa, pronti a spiegare e raccontare le caratteristiche dei due vitigni.

Non avrei mai detto di confondere un Pinot Nero dell’Oltrepò di Conte Vistarino, Costa del Nero 2015, con un vino dell’ Etna. Ma era il primo dei sei calici, e forse per colpa di quel bel rosso scarico e trasparente, mi sono ingannato.
L’Etna Rosso di Graci 2015 era inconfondibile, quel rubino intenso e quei profumi mi ricordavano molto il vino fatto con il Nerello di casa mia in Sicilia, quello che una volta faceva la nonna e ora fa mio padre.
Il terzo calice era un “viso” conosciuto per me; Avevo già bevuto quel vino, quell’Aetnus 2010 de “I Custodi delle Vigne dell’Etna”, quindi ero sicuro di quello che assaggiavo in quel preciso istante; lo definirei  più che altro un vero colpo di fortuna
Successivamente una bella espressione di Pinot Nero dell’Alto Adige: il Sanct Valentin del 2012 della cantina St. Michael Eppan.

La sorpresa della serata per me è stata un altro Etna Rosso, quello di Tasca d’Almerita: Tascante Seconda Vendemmia 2009 è un vino sorprendente, che mi ha messo in crisi per alcuni minuti, con i suoi continui cambiamenti nel calice.
L’ultimo, ma non per importanza, ci porta in Francia, in Borgogna per esattezza, luogo di origine di questo importante vitigno internazionale. “Le Corton Grand Cru Domaine 2011” di Bouchard Père & Fils è un vino importante, con cui chiudere una serata in bellezza con i suoi profumi di marmellata di frutti di bosco, molto intensi ma estremamente fini, in bocca un equilibrio non da tutti e una lunga e piacevolissima persistenza in bocca.

A fine serata mi rendo conto di essere stato più bravo del previsto, con cinque calici indovinati su sei.
Esco soddisfatto e con un sorriso stampato in faccia, non solo per aver trovato una qualità superlativa dei vini, ma soprattutto perché è mio uso, non avanzare quasi mai niente nei calici.

Hérzu, il Riesling di Ettore Germano

C’era molta attesa per questa degustazione con la cantina Ettore Germano organizzata da Fisar Milano presso l’Hotel Andreola, in zona Stazione Centrale.
C’era molta attesa, da parte mia almeno, di assaggiare i tre Barolo della cantina, della stessa annata, ma provenienti da appezzamenti diversi.
E invece è un vino bianco che mi rapisce. Un Riesling Renano, in Piemonte, sì!
Il suo nome è Hérzu, della cantina Ettore Germano, noto produttore langarolo dei più famosi Barolo Cerretta e Lazzarito, proviene da vitigni ad un altitudine di 600 metri circa, il nome deriva appunto da erto, a strapiombo sul fiume Tanaro,  situati 50 km più a sud di Serralunga, nel comune di Cigliè, in Alta Langa.
Il vino, versato nel calice dall’ottima squadra di Sommelier Fisar, è di color giallo paglierino limpido con riflessi verdolini.
L’impatto olfattivo è importante, quasi  complesso; si notano subito note floreali, ricordi di zagara e fiori bianchi, e agrumate come il pompelmo rosa.
Successivamente si riconoscono la pera e la mela, la frutta tropicale e i sentori minerali di grafite, sicuramente legati al terreno di natura calcarea e all’altezza del vigneto.
In bocca è di corpo, sapido al punto giusto, e di una gradevole dolcezza che si equilibra perfettamente con la freschezza e la persistenza di questo  ottimo Riesling.
Il gioco degli abbinamenti, quando un vino è cosi piacevole al naso e al palato, è naturale. Un vino da accompagnare ad un piatto di pesce crudo, antipasti di mare. Comunque cotture poco elaborate.

Ottimo inizio per la degustazione dei vini rossi che è partita subito dopo.